La dispensa della Taverna

Funghi in conserva

Occorrono:

1 kg.di  funghi di bosco freschissimi

un trito abbondante con le erbe fresche che abbiamo dell'orto: prezzemolo, basilico, rosmarino, origano, salvia, santoreggia, maggiorana, erba cedrina,ecc.)
due grossi spicchi d'aglio sbucciati ma interi
un poco di olio extra vergine di oliva
una noce di burro
pepe nero fresco in grani, macinato al mulinello


Puliamo i funghi con uno straccetto umido e raschiamo leggermente i gambi per togliere ogni residuo di terra. Affettiamoli con delicatezza.
Facciamo scaldare in un padellone l'olio extra vergine e la noce di burro, poi aggiungiamo l'aglio e lasciamo colorire leggermente, ora è la volta di aggiungere i funghi, mescoliamo con cura ed aggiungiamo anche il trito di erbe, mescoliamo di nuovo. Facciamoli cuocere da questo momento per una decina di minuti (non aggiungere nient'altro nè brodo, nè vino bianco, neppure sale, solo due mestolini d'acqua bollente).

Sistemiamo i funghi in bei vasi di vetro a chiusura ermetica e copriamo con un dischetto di carta oleata imbevuto di rhum. Facciamo sterilizzare per 40'minuti.

Lasciamo raffreddare e poniamo i vasi in un luogo buio, fresco e asciutto.

Al momento di consumarli li porremo a scaldare qualche minuto sul fuoco.

Neta li serve su uno strato di morbida polenta fumante (e gli ospiti non si alzano più da tavola!)

La dispensa

Benvenuti nella Taverna virtuale del Mattorel, dove si cucina, si racconta, si organizzano serate a tema e si scambiano ricette della tradizione, non solo italiana...

 

Realizzatori: Il lurikeen & sons. © M. Antonietta Bussone 2008-2009.  Tutti i diritti riservati.

Questo sito non è a scopo di lucro, e non pubblicizza alcuna attività di ristorazione e/o commerciale."La taverna del Mattorel" è un titolo nato dalla fantasia degli autori: si tratta di una ipotetica taverna gestita da un mulo, una pecora e una bambola di pezza. E' vietata la riproduzione dei testi e delle immagini senza il consenso esplicito degli autori.